Camera Da Letto Blog: Il Peggiore. Data. Mai.

Prima di tutto, baby Olivia è nato ieri alle 7:04 AM. Non appena tutti si stabilirono a casa, le ragazze e non arriverà ooh e ahh.

Ora passiamo la notte scorsa. Brandon e ho avuto la nostra tanto attesa prima data, e in breve, tutto ciò che l’accumulo di appena portato a una grande delusione.

Sono arrivato al ristorante italiano fantasia cinque minuti di anticipo. Ho controllato il mio telefono per vedere se avevo tutti i messaggi, e l’ho fatto-uno da Brandon dicendo riprese aveva travolto e aveva arrivarci il più presto possibile. Ho detto la padrona di casa la mia data era in ritardo, ha preso un posto al bar, ordinò un bicchiere di vino, e attese. E attese. E aspettai ancora un po’. Dopo 45 minuti, la padrona di casa mi ha informato che non riuscivano a tenere il nostro sistema di prenotazione più. Il barista mi guardò con pietà, probabilmente pensando che sarei stato si alzò in piedi. Ho provato a sorridere a lui come ho ordinato un secondo bicchiere di vino, ma sono abbastanza sicuro che non ho tirarlo fuori.

Un’ora e 15 minuti dopo il nostro originale meet-up, è arrivato … indossare pantaloncini corti, scarpe da ginnastica, e una bandana.

“Mi dispiace, sono in ritardo,” disse, un po ‘ di respiro.

“Abbiamo perso la nostra tabella,” gli ho detto, più rigida di quanto avessi previsto.

“Mi dispiace davvero, K.”, ha detto. “Vogliono fare una passeggiata intorno al quartiere e trovare un altro posto per mangiare?”

Onestamente, da quel punto avevo perso il mio appetito, ma sembrava davvero sincero, così ho accettato.

Brandon non era vestita per qualsiasi dei ristoranti che abbiamo passato, e ha insistito che la pizza non costituiscono “data di cibo”, così abbiamo camminato in giro. E sono andato in giro ancora un po’. Venti minuti più tardi, ci siamo seduti a un grasso diner, dove mi sono sentito ridicolo e fuori luogo nel mio abito senza spalline e con il tacco alto sandali argento.

Abbiamo fatto chiacchiere mentre abbiamo subito mangiato, ma la conversazione non è mai veramente andato ovunque, e c’erano un sacco di disagio silenzi. Dopo aver pagato, abbiamo iniziato ad alzarsi dal nostro stand. Ma quando si chinò per prendere la mia borsa per me, ha fatto fuori me in faccia per errore sulla sua strada. Davvero difficile, tra gli occhi.

Lampeggiante di trattenere le lacrime, mi precipitai fuori, così come non fare una scena. Ha seguito, scusandosi profusamente.

“Va bene,” lo rassicurai, e non importa se mi ha creduto o meno.

“Un po’ un flop, eh?” chiese, sorridendo.

Io annuii.

“Inevitabile, davvero”, ha continuato. “Dopo tutto quello che accumulo…”

Ho iniziato a ridere. Poi cominciò a ridere. Prima di noi lo sapeva, siamo stati a ridere per la prima volta quella notte. E si sentiva bene.

“Andiamo a dare un altro tentativo”, ha suggerito. “Sabato sera?”

“Certo”.

“Posso andare a casa?”

“Io penso di essere più sicuro camminare da solo,” mi ha detto, sorridendo.

“Probabilmente è vero. Tornare a casa in sicurezza, K. tabula rasa nella notte di sabato.”

La seconda data non può essere peggio, giusto?

Lascia un commento