Problema: il Mio Nuovo Capo, il Marito È Caldo

Leggi di Chloe post precedente.

Prima di rotolare i vostri occhi, non è che io sono nuovo del Caldo Uomo Rodeo. Ho bevuto un martini in un club esclusivo con Wall Street tute e festeggiato con i modelli, i loro sexy capelli arruffati l”unico elemento sul loro corpo perfetto. Sono andato a casa a Miami e ricordato a me stesso inebriante odore di crema solare come un corpo scolpito laminato a me sulla mia schiena. Io non sono un estraneo per i sex appeal.

Ma quest”uomo. Ho provato a guardare ma non ho potuto. Ho provato a fermare il tremore delle mie dita come lui tese una mano in avanti, un piccolo sorriso di alzare gli angoli delle sue labbra, il telefono tiene ancora al suo orecchio. Mi allungò la mano, fece scivolare la mano nella sua e ha cercato di rimanere cosciente mentre la sua mano saldamente chiuso sopra le mie. Il nostro contatto sentito un minuto di lunghezza. Mi strinse la mano, poi rilasciato, il momento di allungamento, come i suoi occhi tenuti in contatto, il suo sguardo che mi teneva in luogo prima che egli si voltò.

Ho guardato la sua mano, la stessa che ha tenuto il mio, vieni alla finestra e premere il magro del suo corpo contro il vetro si estende il suo vestito stretto tra spalle larghe e un culo stretto, la goccia del suo capo maschile, gesto sessuale. I miei occhi rastrellati a breve, capelli arruffati, come se avesse eseguire le mani attraverso di essa, la collottola di un five o”clock shadow visibile da qui. Quegli occhi azzurri penetranti. Che giocoso bocca.

Clarke Brantley. Marito di una delle città più ricche donne e il mio futuro capo. Vietato toccare. BENE COME L”INFERNO.

“Ti porto a Chanel.” La signora Brantley voce rimbombò nella stanza, interrompendo il mio sguardo, i clic dei suoi tacchi avermi permesso di sapere che siamo stati in movimento. Ha sottolineato, a tre passi nel corridoio, a indossare la giraffa, il giocattolo della peluche sdraiato dimenticato sul pavimento. Mi sono tuffato come un buon lavoratore e raccolto il solo indicatore di un bambino, mi hanno visto dal passo piede in casa. Mi chiedevo, quindi, dove il succhietto. Pannolini? Seggiolone?

Questa donna ha camminato più veloce di quanto fosse umanamente possibile con i tacchi. Ho provato ad immaginare il bambino, sono corsa a recuperare. Me, asciugandosi sporco mozziconi. Dondolo e cantando ninne nanne. A 22 anni, nessuno aveva mai affidato a me con la loro prole, prima, e io non ero sicuro era all”altezza del compito.

“Mi dispiace di Clarke”, ha detto airily, arrotondamento di una scala e salire, la sua capacità di sprint in cinque pollici tacchi a spillo ammirevole. “La sua mano è permanentemente collegato al telefono.” Ho wheezed in risposta, guardando in giro per l”ascensore che sicuramente esisteva. “Ora, riguardo alla visione di Chanel. La paga è di un migliaio di una settimana. Ho bisogno di voi, dalle nove del mattino fino alle quattro, dal lunedì al giovedì. Che lavorano per voi?”

Ho faticato a tenere il passo, ansimando un po ” come abbiamo finalmente raggiunto la cima delle scale, la mia mente frenetica. Un migliaio di una settimana? Questo è stato sicuramente mi basta per pagare le mie tasse, trovare un nuovo posto, e mangiare fino a NYU sputato il mio diploma e mi ha permesso di ottenere un lavoro vero, quello che vorresti fare uso della mia laurea. Ho visto di buon occhio. Il mio piano originale, dopo la laurea, era stato a lavorare in immobiliare commerciale e residenziale, un diritto-commissione lavoro. Un piano di carriera che — sulla scia della mia nuova povertà — è ormai impraticabile. Ho ricentrato la conversazione. “Sì, grande. Che sembra perfetto.”

Si fermò sul pianerottolo, con in mano un rosso-inchiodato dito e, premendo su di esso per le sue labbra, prima di girare la maniglia, spingere aprire la porta a ciò che ho assunto da vivaio. Ho maledetto me stesso per non chiedere a mamma più domande, anche se c”era poca probabilità sapeva l”età o il temperamento di Nicole e di Clarke po ” di Chanel. La signora Brantley spostato in camera, e ho seguito in punta di piedi, pronto a incontrare il bambino che sarebbe stato il mio mondo per i prossimi mesi. Un caldo sorriso fisso, che ho appoggiato sopra, guardando nella mangiatoia, e impotente a fermarmi — ansimò il corpo che giaceva lì.

Leggi di Chloe prossimo post.

Lascia un commento